Toggle navigation
C:\fakepath\the father new.jpg

The Father. Nulla è come sembra

di Florian Zeller — Gran Bretagna, 2020, 97'
Drammatico

Con Anthony Hopkins, Olivia Colman.

Cinema mignon  TRAILER
Cinema mignon  ACQUISTA BIGLIETTO ONLINE

Nessuna proiezione in programma

Trama

Anthony ha 81 anni. Vive da solo nel suo appartamento londinese e rifiuta tutte le persone che sua figlia Anne cerca di imporgli. Presto però Anne non potrà più andarlo a trovare tutti i giorni: ha preso la decisione di trasferirsi a Parigi con un uomo che ha appena conosciuto… 

Ma se è così, allora chi è l'estraneo che piomba all'improvviso nel soggiorno della casa di Anthony, sostenendo di essere sposato con Anne da oltre dieci anni? E perché afferma con tanta convinzione che quella dove vive è casa sua e della figlia? Eppure Anthony è sicuro che quello sia il suo appartamento. Sembra esserci nell'aria qualcosa di strano, come se il mondo ad un tratto avesse smesso di seguire le regole abituali. 

Smarrito in un labirinto di domande senza risposta, Anthony cerca disperatamente di capire che cosa stia succedendo attorno a lui. 

Recensione

«Voglio che questo film eviti ogni forma di ottusità e spero al contrario che possa ispirare un'immensa lucidità e un profondo senso di umanità. Porteremo il pubblico a provare la costernazione del protagonista e a commuoversi per il suo sgomento e per la vulnerabilità e insicurezza che ciascuno di noi sperimenterà quando si avvicinerà la fine della nostra vita.

Mi sia permesso citare alcuni film per una migliore descrizione dell'universo che vorrei creare, che vorrei evocare e per favore perdonatemi se menziono solo autentici capolavori: Amour di Haneke, per la semplicità e la violenza dell'emozione suscitata; Rosemary's Baby di Polanski per il coinvolgente clima di stranezza che impone in uno spazio unico; e Mulholland Drive di David Lynch, per l'inventività narrativa che fa coesistere numerose realtà contraddittorie e pone attivamente gli spettatori in una posizione in cui possono scoprire le proprie ragioni all'interno del film.» (Florian Zeller)