Eventi e rassegne

Il Cinema Mignon di Mantova, accanto alla normale programmazione di film in prima visione, propone rassegne tematiche ed eventi speciali. Si tratta di iniziative particolari realizzate spesso in collaborazione con associazioni, enti, circoli culturali, con speciali modalità di accesso!

 

Sabna Guz: flash di un evento

sabnaguz.jpg

Mantova, via Benzoni 22 - Lunedì 24 Ottobre 2005.

Ore 20.00.
C’è un frenetico andirivieni nella stretta e buia stradicciola, di solito scarsamente animata. Si avverte, quasi fosse nell’aria, la straordinaria presenza di un ospite d’eccezione. Poco più in là, gente composta in fila confabula: è la coda di un lungo serpente fermo davanti alla biglietteria del cinema che si snoda fin sul marciapiede. Bisogna aspettare, magari conviene riprovare allo spettacolo successivo, e forse si replica anche a mezzanotte…
Ore 22.30.
Straordinario è il colpo d’occhio nella piazza tutta gremita: molta gente che esce, altrettanta che aspetta di entrare. E il piccolo cinema si rivela insufficiente a soddisfare le richieste. Qualcuno se ne va, a malincuore.

Sabina 1.jpg


Il "Mignon" ha ritrovato il pubblico delle grandi occasioni, quelle di Nanni Moretti e di Stefano Rulli, delle anteprime e delle serate conviviali.
Soprattutto ha trovato la forza di invitare, organizzare e proporre alla città di Mantova un incontro con SABINA GUZZANTI regista e interprete del film documentario "VIVA ZAPATERO!", evento speciale a Venezia e indiscusso "caso" cinematografico dell'anno.

Sabina 2.jpg

Due spettacoli, due introduzioni, due volte la sala esaurita. Sabina Guzzanti appare subito spiritosa e disponibile, ma anche acuta e sferzante: il tempo che ha dedicato agli spettatori prima di ciascuna proiezione si è rivelato un gustoso "happening".
Sollecitata da Claudio Fraccari e dalle domande curiose e numerose degli spettatori, in un serrato confronto di battute, non ha lesinato risposte pungenti mettendo in evidenza la sua inconfondibile "verve" dettata da un genuino sdegno civile.

Sabina 3.jpg

Applausi spontanei, risate incontenibili, fugaci imitazioni hanno attraversato il prima e il durante; quanto al dopo, drappelli di spettatori hanno sostato a lungo davanti al Mignon – a discutere, a scambiarsi impressioni, a confabulare. Prova sicura che il cinema, invece di intrattenere soltanto, può ancora coinvolgere.